Come prendersi cura della pelle nel periodo invernale.

Quali problemi il tuo viso affronta durante la stagione fredda, come risolverli e venire completamente equipaggiato all’inverno.

La stagione dolce,  l’estate calda e anche l’autunno dorato sono finiti. E ‘tempo di ammetterlo. E ‘un tempo piuttosto cupo avanti, difficile non solo per te, ma anche per la tua cara pelle. Soprattutto perché, mentre ti stavi godendo il sole, la spiaggia o la città, la pelle tua pelle ha sofferto un po ‘! E il fatto che, provando a tenere la tua abbronzatura, hai trascurato gli esfolianti, probabilmento hai  dimenticato spesso di applicare i sieri idratanti e antiossidanti, e qualche volta addirittura il SPF, non ti ‘e stato d’ aiuto.

Ma la stagione morbida è finita, ed è il momento di lavorare – compreso il lavoro sulla condizione della pelle. Ed eccomi con un piano d’azione per te! :

Fase 1: Decidere in merito ai problemi

Che sia necessario prendersi cura della pelle, a partire dal suo tipo, hai già sentito un milione di volte, ma non ci dispiace ripetere, perché in inverno, eventuali condizioni patologiche possono aumentare.

La pelle secca dopo l’estate affronterà la comparsa di piccole rughe e alcuni segni di fotoinvecchiamento: ha un minor numero di lipidi sulla superficie, rispettivamente, la sua funzione di barriera è compromessa, a causa della quale aumenta la perdita di acqua transepidermale. L’acqua non è sigillata con film lipidico ed evapora rapidamente, a causa di questa forma rughe. Inoltre, le strutture di collagene sono disturbati – sono danneggiati dalla luce ultravioletta, a causa di questo, l’elasticità della pelle è ridotta e appaiono le rughe. 

Cosa fare con la disidratazione, che è probabile che venga incontrata da quasi tutti, dirò di seguito.

Paula’s Choice 

Clinical Niacinamide 20% Treatment

La Roche-Posay

 Toleriane Sensitive Cream 

Paula’s Choice  

10% Azelaic Acid Booster

Dr. Hauschka 

Maschera lenitiva

La pelle grassa invece può affrontare picchi di acne. A causa dell’esposizione ai raggi ultravioletti, la ghiandola sebacea inizia a lavorare attivamente, che innesca una cascata di reazioni. Più sebo si forma, più forti sono le manifestazioni di cheratosi: lo strato corneo si ispessisce, il sebo cresce più grande e incolla le squame cornee. Gradualmente, si formano elementi infiammatori, prima sotto forma di comedoni (punti neri e microtubuli bianchi chiusi). Qui il nostro obiettivo è quello di risolvere il problema di irritazioni, camedoni e acne (come affrontarlo, anche raccontero). E se ci sono delle infiammazioni, il suggerimento e’ di aggiungere i prodotti antibatterici, antisettici, anti-infiammatori.

La pelle con disturbi vascolari può affrontare la comparsa di stelle vascolari o rosacea.

Sotto l’azione dell’ultravioletto inizia a sintetizzare una proteina specifica, che, da un lato, ha una funzione anti-infiammatoria, e dall’altro assottiglia e rende le pareti vascolari più fragili. Inoltre aggiunge una reazione infiammatoria che si presenta quando altre proteine sono attivate. Sulla pelle sensibile reattiva, questo può portare alla comparsa di couperose e svilupparsi in rosacea.

 Sesderma 

AZELAC RU Luminous Fluid

Dear Klairs 

Freshly Juiced Vitamin Drop

La Roche-Posay 

Rosaliac UV Riche

 

Lancome RénergieRénergie 

H.C.F. Triple Serum

Proteggere i vasi aiuterà i rimedi con azelaine e acido xolinico, vitamina C ( consiglio di scegliere forme stabili e delicati come acido ascorbico e glucoside ascorbile) e acido nicotinico ( niacinamide o vitamina B3).

Un’altra buona soluzione per la pelle in una condizione acuta – indipendentemente dal fatto che si tratti di arrossamento scomodo o acne – sarà la vostra visita a un’estetista. Ma se non ci sono cambiamenti seri e il problema è solo una triste tonalità grigia? Cosa fare con questo, diro’ anche di seguito.

Fase 2: Seleziona la texture del prodotto

C’è un concetto che in estate la pelle ha bisogno di texture più leggeri, quindi con l’inizio del periodo freddo le texture dovrebbero diventare più dense. Questo è vero e no. 

Le texture dei prodotti dipendono sempre principalmente dal tipo di pelle. Per la grassa e mista scegliamo agenti leggeri – sieri, gel in qualsiasi momento dell’anno. Per la pelle secca scegliamo texture ricche di lipidi – creme nutrienti più ricche, o combinare diversi texture in un unico trattamento. Tuttavia,  con l’inizio del freddo e del gelo, quando la pelle può diventare più sensibile, soprattutto se è secca, ha bisogno di ulteriori cure sotto forma di rimedi che ripristinano la sua funzione protettiva: cioè creme ricche di ceramidi, glicoproteine, componenti lenitivi ed emollienti.

Ascolta la tua pelle – per quanto strano possa sembrare – se ti senti a tuo agio dopo aver applicato la crema in  gel a metà dicembre, allora questa opzione ti si addice. Prova cosmetici prima di acquistare. Scegliere i prodotti a base della tua tipologia della pelle e eventuali problematiche. E  ricordi sempre in ogni cura è importante la costanza!

Uriage

Toléderm Control Cream

Vichy 

Minéral 89 Booster Acido Ialuronico

Caudalie 

Pore Minimizing Instant Detox Mask

Filorga 

Sleep and Peel Cream

Fase 3: Idratare, idratare e idratare di nuova pelle

Idratazione è il bisogno di base di qualsiasi pelle. Ma il periodo in cui si è saltato dal sole caldo agli ambienti con i condizionatori d’aria essiccanti, per  poi arrivare dove già il riscaldamento centralizzato (disidrata anche efficacemente l’aria), la pelle vi ringrazierà molto per il «bicchiere d’acqua».

 

Qualsiasi pelle ha bisogno di essere idrata continuitamente. Non importa se è grassa o secca. È necessario idratarla prima di intraprendere un’azione attiva, come per esemio  l’esfoliazione o  lavoro sulla pigmentazione. Questa è la regola n 1.

 

L’idratazione insufficiente di pelle secca può condurre alle rughe, alla pelle unta o  addirittura aumentare la comparsa degli irritazioni.  Se la pelle non riceve l’idratazione, le funzioni protettive cominciano a lavorare, la produzione di sebo si aumenta per fornire la protezione contro la perdita di idratazione. Se la pelle è problematica, può portare alla compattazione dei comedoni, formazione di punti neri,  la comparsa dell’acne sottocutanea ed eruzioni cutanee.

 

Idratazione e reparazione della funzione di barriera cutanea sono le principali esigenze invernali della pelle.  Quindi è giunto il momento di utilizzare i prodotti con i potenti funzioni di idratazione e  con i componenti che ripristineranno il mantello idrolipidico della pelle. Cercate il acido ialuronico e/o poliglutammina, glicerina, collagene, pantenolo, fosfolipidi, proteoglicani, AHA-acidi, ceramidi e niacinamide come attivi principali nei prodotti skincare.

Comfort Zone 

Remedy Toner

La Roche-Posay 

SIERO HYALU B5

 

Babor 

Power Serum Ampoule Hyaluronic Acid

 

Imersa 

Crema Giorno con Sericina di Seta 

Fase 4: Sbarazzarsi di tutto ciò che non serve più.

Hai notato che la pelle è diventata meno liscia e ha smesso di brillare? La causa dell’ipercheratosi è un problema frequente dopo l’estate. Quando vai in vacanza, il mare, il sole, il vento, l’altra aria – queste sono cose piacevoli per te,  ma il vero stress per la pelle. 

Ha bisogno di proteggersi. In risposta ai fattori ambientali, le cellule dell’epidermide si legano più strettamente per formare uno scudo per strutture più profonde. Ma anche quando si arriva l’autunno, il processo continua. La cheratizzazione continua, tuttavia, l’esfoliazione la rallenta un po’.  A causa dell’accumulo dello strato corneo, la texture della pelle diventa irregolare.

Lo stesso processo è attivo anche nella pelle durante il periodo freddo e grazie al riscaldamento centrale, il motivo per cui durante la primavera spessp abbiamo il tono della pelle spenta.

La superficie irregolare, a differenza della superficie liscia, riflette la luce di meno, e di conseguenza la pelle sembra opaca. Visivamente, questo non sembra cosi tanti male, non importa come trucchiamo il nostro viso con tutti i tipi di evidenziatori e highlighter, il prodotto non nasconderà l’irregolarità della texture.  Al contrario, il trucco (e la pelle con esso) sembrerà disordinata.

E perché nascondere qualcosa quando si può risolvere il problema! Ripristinare la pelle alla sua ex levigatezza e luminosità aiuterà peeling. Ma questo non significa che ora la tua maschera agli acidi preferita, che hai dimenticato per tutta l’estate, dovrebbe essere applicata ogni giorno. L’esfoliazione deve essere il più possibile morbida e fisiologica.

In nessun caso si dovrebbe ricorrere alla manipolazione intensa a casa – la pelle dopo la luce ultravioletta è più ricettiva e  sensibile. Non si deve applicare l’esfoliante piu  a lungo o applicare più spesso di quanto dichiarato dal produttore. Ad esempio, se è scritto che il prodotto  deve essere utilizzato una volta alla settimana, non è auspicabile andare oltre i limiti. Traumatizzazione inutili solo aumentare l’infiammazione e dare le prossime conseguenze spiacevoli sulla pelle.

Per esempio alcunti di peeling funzionano a causa degli acidi: rompono delicatamente il legame tra le squame cheratinizzate, questo semplifica il processo di esfoliazione, che ha anche un atteggiamento positivo nei confronti del prodotto. Inoltre, questa categoria di prodotti può includere acido ialuronico, ceramidi, vitamine e  estratti di erbe.

Per qualcuno sarebbe più adatti AHA o BHA acidi, che si puo trovare nei tonici e maschere, che esfoliano piu delicatamente ma nel costante utilizzo sono molto efficaci per avere la pelle liscia e luminosa. Il prodotto dovrebbe contenere una piccola percentuale della sostanza. Questo può essere acido alfa e beta-idrossile: mendelico, azelaine, salicilico. Non dimenticare pero di idratare la pelle dopo l’esfoliazione.

Caudalie 

Vinoperfect Maschera Peeling Glicolico

Paula’s Choice 

25% AHA + 2% BHA Exfoliant Peel Rinse-Off Treatment

Comfort Zone 

Sublime Skin Peel Pads

Paula’s Choice 

2% BHA Liquid Exfoliant

Fase 5: Aggiustare ciò che è rotto.

Dopo l’esposizione prolungata ai raggi ultravioletti, la pelle soffre di stress ossidativo e la mancanza di antiossidanti, da danni a livello di DNA cellulare. È importante ripristinare le funzioni fisiologiche naturali della pelle: per migliorare la respirazione cellulare (un insieme di reazioni biochimiche durante le quali carboidrati, lipidi e aminoacidi si ossidano in anidride carbonica e acqua ) e lavoro del sistema escretore.

Gli enzimi responsabili del meccanismo di recupero esistono nel corpo per natura. Ma a causa dei processi di invecchiamento e/ o esposizione ai raggi ultravioletti e altri fattori ambientali negativi, il lavoro del proprio sistema enzimatico si deteriora e deve essere stimolato. La soluzione si presenta sotto forma di prodotti enzimatici e polipeptidi che funzionano anche come molecole di segnale (cosa possono i peptidi e cosa sono, ti ho già detto in dettaglio), e anche antiossidanti. Lo stesso acido ferulico ha la capacità di penetrare intracellulare, anche intranucleare. E, di conseguenza, per stimolare l’attività dei sistema.. Inoltre, vi consiglio di scegliere i prodotti con vitamine C ed E, questi sono combattenti seri con stress ossidativo.

Babor 

Enzyme Cleanser 

SkinCeuticals

C E FERULIC

Laboratorio Santa Maria 

Crema Salva Pelle

 

Paula’s Choice

Calm Repairing Serum 

Fase 6: Lavora sul tuo tono. 

L’interazione di pigmentazione è un altro problema popolare di inverno. E l’ultimo punto non è casuale: il lavoro con il tono vale la pena fare dopo aver risulto il problemi della pelli descritti prima.

Cioè, prima idratare e lenire la pelle, ripristinare la sua funzione di barriera, saturare i lipidi se sia secca, e calmare gli infiammatori, se sono presenti (perché nel processo di infiammazione tutte le nostre cellule sono più attivi, tra cui il pigmento di sintesi).

E solo dopo devi iniziare lavorare sull’iperpigmentazione e  sulle altre procedure di ringiovanimento.

Se il pigmento viene depositato all’interno dell’epidermide, le maccie possono essere corretti con la cura domiciliare: Io vi consiglio di scegliere nei prpdotti con  l’acido azelico e folico e la vitamina C. E se il pigmento si trova in profondità, all’interno del derma, allora vi consiglio di rivolgervi dal cosmetologo per eseguire dei trattamenti  laser e fototerapia o peeling chimico.

Tra il trattamento  dal cosmetolgo e l’esposizione al sole dovrebbe passare di almeno un mese. Quindi, se vai in vacanza dopo il trattamento, avrai bisogno non solo di un SPF 50+, ma anche di portare con se l’ombrello per proteggerti  ogni giorno. In caso contrario, può causare nuove macchie di pigmento. Perciò meglio fare i trattamenti per combattere l’iperpigmentazione durante l’inverno. 

Laboratorio Santa Maria

Tonico Botanico Illuminante

Kiehl’cs 

Clearly Corrective Dark Spot Solution

Caudalie 

Vinoperfect Maschera Peeling Glicolico

Cicapair 

Re-Cover Re-Couvrir SPF40

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *